• intro
  • man slide
  • homoplus slide

Il Network dei Transumanisti Italiani ha partecipato alla XXIII Settimana Teologica di Pistoia sul tema dell'immortalita' terrena con un proprio contributo scritto che potete leggere qui.

Dedicata alla “immortalità terrena” (per essere precisi alla “Idea della immortalità terrena”) la settimana teologica promossa dalla diocesi di Pistoia. E’ il 23mo appuntamento della serie che, coordinata dal teologo Giordano Frosini, all’inizio di ogni settembre coinvolge la comunità pistoiese, ecclesiale e civile, su frontiere di una teologia applicata a vari settori della esistenza contemporanea.
Il tema di quest’anno prende spunto da un volume (“L’ultimo esorcismo. Filosofie dell’immortalità terrena”, EDB 2009) di Andrea Vaccaro, docente e intellettuale pistoiese: il primo studio in Italia rivolto ad affrontare in modo sistematico le rivoluzioni scientifiche derivanti dalla combinazione di genetica, robotica e nanotecnologie.
L’assunto da cui parte l’analisi di Vaccaro è riferito a studi di premi Nobel, docenti universitari, direttori di istituti di ricerca: con la previsione che, grazie agli sviluppi delle scienze, tutte le cause di malattia, e quindi di morte, saranno sbaragliate arrivando dunque a un punto in cui le persone non avranno più età, rimarranno giovani senza invecchiare, saranno chiamate ad affrontare “una estensione radicale della vita a seguito di una manipolazione radicale dell’uomo”. La morte –di chiede Vaccaro - sarà dunque “esorcizzata” al punto tale da “prospettare la possibilità che essa non ci riguardi, che essa non raggiunga l’essere umano”? Che tipo di incroci saranno allora possibili con le ragioni dello spirito e dell’’umanesimo? Come potranno cambiare le riflessioni sul rapporto (e sulla “amicizia”) fra scienza e fede? Quali i mutamenti sulla visione religiosa?